“Le mani sulla citta’” di Francesco Rosi

rosidi Mimmo Mastrangelo

Le mani sulla città? “Un capolavoro trasversale. Non abbandona il lato estetico, narrativo, fotografico del racconto… Un film così è unico nel nostro Paese. Un trattato antropologico mai più realizzato. Una fenomenologia del potere, un’architettura del consenso, un sismografo della negoziazione”.

Sono parole di  Roberto Saviano rilasciate dallo scrittore in un’intervista che   ritroviamo nei contenuti extra del nuovissimo formato in dvd  (CG Home Video) del film-caposaldo nella  cinematografia  di Francesco Rosi. “Le mani sulla città – continua Saviano – è un punto di non ritorno, una volta visto non puoi tornare indietro: lo sguardo sulla città  diventa differente. La Napoli che racconta Rosi è una Napoli ferita dalla guerra, che  è un grande rimosso.…”.

Scomparso da qualche giorno, Francesco Rosi vinse con il film (scritto e sceneggiato insieme a Raffaele La Capria)  il Leone d’Oro al Festival di Venezia del 1963.

Il protagonista della pellicola è l’eccellente Rod Steiger nei panni di Edoardo Nottola, un costruttore cinico ed arrogante che sta per presentarsi alle elezioni comunali nel capoluogo partenopeo per sfruttare le sue amicizie politiche  e dare corso ad una grande  e selvaggia  speculazione edilizia. Ma il crollo di un palazzo, che provoca morti e feriti e fa aprire  un’inchiesta, viene a costituire un ostacolo nei paini di Nottola, il quale sarà costretto a cambiare strategia e   cercare,  con la spudorata certezza che “nessuno è incorruttibile”, nuovi alleati nella politica.

francesco_rosicorrettoRosi mostra una mano da maestro nella rappresentazione della realtà della città di Napoli e, inoltre, si rivela  un regista di intuito che sa  raccontare con rigore e stile una storia non datata  di collusione malavitosa tra speculatori e politici. Un film   attualissimo rimane  Le mani sulla città, che ha permesso, più di altre  pellicole (vedi Salvatore Giuliano) di  legare il nome di Rosi al cinema d’inchiesta e politico che comparì sui nostri schermi agli inizi degli anni sessanta. La scomparsa di  uno sguardo civilizzatore e di assoluta originalità come quello di Francesco Rosi è di sicuro una perdita gravissima per il cinema italiano, però bisognerebbe ora evitare di farne di lui e della sua opera un santino, nel senso  che andrebbe  abbandonata  l’enfasi con cui la stampa ha voluto  ricordarlo e affrontare un’ analisi  più approfondita di tutto il  suo lavoro, cercando di non oscurare gli  aspetti discutibili che non mancano.

Per questo dovrebbe non poco far riflettere quanto  ha scritto il più militante e impegnato dei nostri critici, Goffredo Fofi, sul quotidiano dei vescovi Avvenire .  “La sua impostazione laico-borghese di stampo illuminista – riporta Fofi – non ha permesso a Rosi, come non ha permesso a molti grandi nomi del nostro giornalismo e della nostra cultura, di leggere e interpretare adeguatamente la confusione dei nuovi tempi con la necessaria  acutezza…”. Dal giudizio perentorio di Fofi  può dirsi aperto il dibattito.

Le mani sulla città’”  di Francesco Rosi  versione restaurata

Formato dvd per la CG home video

Contenuti extra: un’intervista allo scrittore Roberto Saviano che parla dell’aspetto politico-antropologico del  film

Comments are closed.