DVD. “La forza e la ragione” di Roberto Rossellini

rosselldi Mimmo Mastrangelo

Dopo le elezioni del settembre del 1970, in cui la sua coalizione di sinistra di Unità  Popolare aveva ottenuto il 36% dei voti, il 4 novembre dello stesso anno Salvador Allende venne proclamato presidente del Cile grazie anche all’appoggio  dei democratici. Nei primi  mesi del suo governo, in risposta al  maltrattamento che stava subendo  dalla stampa internazionale per  spinta del governo degli Stati Uniti, della Cia e dei poteri forti (e conservatori) cileni, avvertì la necessità di far conoscere ad una opinione pubblica più vasta il programma popolare che intendeva portare avanti per sollevare il suo Paese da una cronica miseria.

Per tale ragione (e grazie anche alla conoscenza che aveva con Renzo Rossellini) Allende  decise di rilasciare nel maggio del 1971 un’ intervista al regista Roberto Rossellini. Un incontro  che, grazie all’abilità dialettica e l’intelligenza dei due interlocutori, si trasforma  in un dialogo appassionato, dominato dalla ricchezza di pensiero e da contenuti politici , sociali ed economici di fortissimo spessore.

Realizzata in sedici millimetri e sotto la  visione di Emilio Greco, l’intervista venne comprata dalla Rai che  la mandò in onda, con in titolo “La forza e la ragione” , solo dopo il colpo di stato del generale Pinochet   nel settembre del 1973 . A quasi  quarant’anni di distanza dalla tragica scomparsa (suicidio?) di Allende,  Cinecittà Luce e Flamingo Video propongono in formato dvd  “La forza e la ragione” insieme a due cinegiornali dell’epoca, alle interviste a Renzo Rossellini, Bobo Craxi e Maria Rosaria Stabili e ad una  conversazione tra lo stesso Rossellini ed Enzo Biagi mandata in onda  dalla tv di Stato  prima dell’intervista realizzata due anni prima a Santiago nell’abitazione del presidente cileno.

Nell’incipit Allende ricorda le sue origini medio-borghesi, la militanza  politica nelle fila del  partito radicale del padre, di un nonno e degli zii,  gli studi di medicina,  il suo precoce impegno per la causa del socialismo, la coerenza degli ideali. “Io sono – afferma Allende -  il fondatore del Partito Socialista di  Valparaiso, e per la  linea di coerenza  un socialista non poteva stare su altra barricata che quella dove sono stato io tutta la vita”. Sollecitato dalle domande mai banali di Rossellini, Allende  riconosce quanto l’alleanza delle sinistre – nata già negli anni cinquanta dal dialogo tra socialisti dissidenti, comunisti e frange della piccola borghesia – sia stata importante per battere la destra cilena e dare al governo cileno un’impronta popolare. Inoltre, Allende  parla  delle riforme politiche che poi porterà a compimento nel giro di un anno  come la riforma agraria con l’esproprio dei latifondi, la nazionalizzazione di alcune  banche e della produzione del rame. Nella parte finale della conversazione Allende si richiama alla dottrina di Monroe per rilanciare l’unità delle nazioni latino-americane,  condanna la speculazione dei paesi ricchi sulle nazioni del Sud America e riconosce il ruolo che la Chiesa cilena stava svolgendo in quel momento per far migliorare le condizioni degli sfruttati.

Un dialogo aperto schietto quello tra Rossellini ed Allende la cui complicità intellettuale   mette allo scoperto due vite rette sulle limpidezza delle proprie idee e passioni. Un grande politico del novecento manifesta ad un maestro della cinematografia di tutti i tempi il  suo progetto di governo  per un Cile rinnovato e più moderno.  Svela Allende a Rossellini come la ragione, qualche volta nella storia degli uomini, può riuscire ad avere la meglio sulla forza.

LA FORZA E LA RAGIONE”

INTERVISTA A SALVADOR ALLENDE DI ROBERTO ROSSELLLINI.

NOVITA’ DVD PER FLAMINGO VIDEO E CINECITTA’ LUCE

Comments are closed.