“Tempi moderni” a cura del Circolo del cinema di Lucca

mother!CINEMA CENTRALE, Lucca. Ore 21.30

TEMPI   MODERNI

L’inizio del ciclo: Blow up restaurato, uno dei film simbolo del post-moderno, dell’era in cui l’immagine diventa spesso più importante della realtà stessa, fino al punto di mutarla.

E di seguito una serie di film che rappresentano con efficacia le grandi questioni dei nostri tempi: i nostri Tempi moderni. Ecco quindi il muro che divide Israele dalla Palestina fotografato, visionato, raccontato dal grande fotografo Josef Koudelka; la tratta degli esseri umani nella migrazione tra la Libia e l’Italia; la battaglia senza esclusione di colpi da una determinatissima, spregiudicata e scaltra lobbista contro la potente lobby statunitense delle armi; la rivolta di una grande cantante –in arte Nico –  contro il consumismo della propria vita;  e infine in “Madre” è il film stesso  barocco  e aggrovigliato, biblico e vitale” un prodotto estetico e sociologico dei nostri tempi. Ma dietro ad ognuno di questi film circola il cinema, la capacità di colpire occhi, mente  e, a volte, cuore.

——————————————————————————————————–

Giovedì 9 novembre 2017

Blow up di Michelangelo Antonioni con David Hemmings, Sarah Miles, Vanessa Redgrave, Jane Birkin. Gran Bretagna, Italia, 1966, durata 108’

Blow-up, che torna ora in prima visione grazie al restauro distribuito dalla Cineteca di Bologna, è un film  diventato mitico non solo perché simbolizza nell’immaginario un’epoca, ma anche perché è un’opera di pensiero e di poesia, perché è una acuta meditazione sul divario fra realtà e fantasia  e infine e soprattutto, perché è  cinema.

——————————————————————————————————-

Giovedì 16 novembre 2017

Madre di Darren Aronofsky con Jennifer Lawrence, Javier Bardem, Michelle Pfeiffer, Ed Harris. USA, 2017, durata 118’.

Lei si è trasferita nella grande casa isolata in mezzo ai campi di grano per amore di Lui. Lui, invece, non riesce a superare il blocco che gli impedisce di scrivere e passa le giornate davanti alla pagina bianca. Finché nella casa isolata irrompe uno sconosciuto. E’ un film, che divide profondamente critica e pubblico. Scrive uno spettatore:” È un’esperienza unica, di grande cinema, intenso e teso nella prima metà; metaforico, allegorico, claustrofobico e disturbante nella seconda. Regia e montaggio magistrali”. Vedere per valutare!

——————————————————————————————————–

IN COLLABORAZIONE CON PHOTOLUX FESTIVAL

Giovedì 23 novembre 2017

Koudelka fotografa la Terra Santa di Gilad Baram.  con Josef Koudelka.  Documentario – Germania, Repubblica Ceca, 2015, durata 76’.

Cinque anni di reportage, tra il 2008 e il 2012, di una delle figure leggendarie della fotografia contemporanea, Josef Koudelka, in una delle zone di conflitto cruciali del pianeta: l’orrendo muro che separa Israele dalla Palestina. Con una profondità simile a quella  di Wim Wenders su  Salgado,  il giovane regista pedina Koudelka per riprodurne il processo creativo, si intrufola nella composizione dello scatto, per catturarne l’intuizione, il punto di vista, lo sguardo sul reale,  restituendo valore al tempo e ai luoghi,  trasmettendo, senza cercare lo spettacolo, l’emozione della verità
——————————————————————————————————-

Giovedì 30 novembre 2017

Miss Sloane – Giochi di potere di John Madden con Jessica Chastain, Mark Strong,  Alison Pill.  USA, 2016, durata 127’

Miss Sloane è una lobbista affascinante e risoluta, la più ricercata a Washington, famosa per la sua astuzia e una lunga storia di successi.  Non ha famiglia, nessun legame sentimentale, se non un aitante gigolò, e sceglie di affrontare  la più spietata delle lobby delle armi. Diretto dal britannico John Madden,  Miss Sloane è un film intricato e intrigante, recitato da  una straordinaria Jessica Chastain, ancora una volta sontuosa e supportata da comprimari di prim’ordine.

———————————————————————————————————-

Giovedì 14 dicembre 2017

Nico 1988 di Susanna Nicchiarelli con Trine Dyrholm, John Gordon Sinclair, Anamaria Marinca. Italia, Belgio, 2017, durata 93’.

Gli ultimi anni di vita di Christa Päffgen, in arte Nico, musa di Warhol, cantante dei Velvet Underground e donna la cui bellezza era indiscussa. Nico vive una seconda vita quando inizia la sua carriera da solista. Qui seguiamo gli ultimi tour di Nico e della band, quando Nico si è liberata del peso della sua bellezza e inizia a ricostruire un rapporto con il figlio. Un road movie, un film musicale, e soprattutto, il racconto della sofferta ribellione di un corpo alla schiavitù della propria immagine. Vincitore della sezione Orizzonti a Venezia, uno dei film più belli visti al Lido.

——————————————————————————————————-

Giovedì 21 dicembre 2017

L’ordine delle cose di Andrea Segre con Paolo Pierobon, Giuseppe Battiston, Valentina Carnelutti. Italia, Francia, Tunisia, 2017, durata 112’.

Straordinario film sulla tratta di esseri umani tra Libia e Italia. Un funzionario del governo italiano viene spedito in Libia per convincere alti funzionari libici  a collaborare con il governo per fermare il traffico di migranti… Andrea Segre dimostra grande sensibilità nel trattare un soggetto tanto delicato e costruisce una sorta di thriller impegnato, capace di tenere alta la tensione dal primo all’ultimo minuto e di far riflettere su un argomento di strettissima attualità.

——————————————————————————————————


Leave a Comment