Editoriale. ” Intorno a “La linea dell’occhio” di Gianni Quilici

kidman

LE MIE VISIONI

In che modo questo sito La linea dell’occhio

può avere un ruolo che sia utile ed originale

e non si mescoli stancamente

alle centinaia di siti-blog cinematografici

presenti in rete?

Non può rimanere certamente così,

come lo vediamo oggi.

Graficamente e contenutisticamente.

Sulla grafica diversi sono i suggerimenti

pervenutici e di questi faremo tesoro.

Sui contenuti abbiamo discusso

in passato sulla rivista.

Potremmo continuare in rete,

se abbiamo desideri, idee, ipotesi.

La prima visione è un sito

che abbia il rapporto cinema-film

come fulcro dei sentieri inesauribili

in cui si può articolare quel discorso,

e che sappia cogliere i nessi

con il sistema socio-culturale e politico.

La seconda visione è

una scrittura versatile:

rigorosa quando è necessario,

ma anche sarcastica, sintetica,

provocatoria, poetica,

dichiaratamente soggettiva.

La terza visione è un’apertura

a 360 gradi:

una curiosità che sappia vedere

ciò che è,

che sappia immaginare

Complessità delle analisi

Versatilità dei linguaggi

Apertura degli occhi

ciò che non è,

ma che potrebbe essere.




Comments are closed.